Come Trovare una Nicchia di Mercato in Pochi Passi

come costruire un brand

Quante volte ti hanno detto di trovare la tua nicchia? Penso tante.
Ma come trovare una nicchia di mercato profittevole?

Se sei un imprenditore, un commerciante, un libero professionista e possiedi un'attività, questo articolo ti mostrerà passo-passo come trovare la tua nicchia di mercato e come sfruttarla.

Andiamo con ordine.

Nel marketing esistono 2 tipi di imprese:

  1. Quelle che prima analizzano il mercato e poi creano un prodotto;
  2. Quelle che prima creano il prodotto e poi lo vendono in un mercato.

Non sono qui a dire quale dei 2 tipi sia uno migliore dell'altro, ma sicuramente in Italia domina il tipo n.2. Il motivo è che in Italia le imprese tendono a copiare l'azienda "dell'amico" che ha avuto successo.

Le cose oggi sono cambiate. Il tipo di impresa n.1 dà i migliori risultati (guadagni, clienti, autorità, brand...).

Perciò, in questo articolo vedremo come implementare alcuni passaggi del tipo di impresa n.1 nel tipo n.2. Così facendo, potrai beneficiare in parte del modello orientato al cliente, anche se la tua azienda è orientata al prodotto.

Se il tuo obiettivo è quello di costruire un business che vale migliaia/milioni di euro, qui troverai dei validi spunti su come avviarlo, sempre orientandoti al cliente.

Questo articolo è rivolto agli imprenditori e ai liberi professionisti, ma in questo caso, anche alle startup.

Trovare una Nicchia partendo dal tuo Target

Quando hai avviato la tua attività, hai preso in considerazione il web marketing oppure hai adottato il metodo si vende da solo?

Purtroppo, se in questi periodi non te la stai cavando molto bene, dubito che tu gli abbia dato molto peso.

I cartelloni pubblicitari o le pubblicità locali, come già sai, danno scarsi risultati. La gente non ama la pubblicità. Certo, promuovono la tua attività, ma non sono così efficaci. Non ti assicuranno più vendite o più clienti e non puoi sapere se i nuovi clienti sono venuti nel tuo negozio per puro caso o perché i tuoi volantini hanno funzionato.

Questo è un rischio.

Spendi soldi in pubblicità, ma non sai mai se saranno ben spesi.
Devo dirti che questo metodo, il più delle volte, ha un ritorno negativo... cioè spendi 100 per ricavarne 70.

E come se non bastasse, c'è anche il problema della concorrenza. Molti imprenditori (e forse anche tu) cercano di abbassare i prezzi nella speranza di "battere" la concorrenza, ma prima o poi questa strategia li porterà a lavorare di più per percepire meno.

Non vorrai fare la stessa fine, vero?

Credo di no.

Se è così, per non ricorrere ai ribassi, non ti resta che studiare il tuo target.

Ma perché il target?

Perchè più conosci i tuoi clienti, più ti sarà facile sapere cosa vogliono. Se sai cosa vogliono, allora sai anche cosa vendere.

Questo non significa conoscerli di persona o avere dei rapporti con i tuoi clienti. Significa che è molto più facile vendere i tuoi prodotti a chi ha già mostrato interesse in ciò che fai.

Basta che viene in negozio, è già un interesse, no?

Non proprio.
Non tutti quelli che entrano nel tuo negozio vengono con l'intenzione di comprare. Molte persone (incluso il sottoscritto) si informano su Internet o consultano più negozi prima di acquistare un prodotto.

In altre parole, non tutti sono pronti all'acquisto.

Alcuni forse sì, altri si informano, altri cercano pareri o rassicurazioni. Il punto è che se qualcuno viene nel tuo ufficio o entra nel tuo negozio, non sai in che stato è.
Forse vuole acquistare... ma può anche dare un'occhiata per valutare i tuoi e comprare dalla concorrenza.

Psss: Scopri come Creare il Tuo Brand per sfruttare le debolezze della concorrenza e vendere di più.

Per evitare perdite di tempo, e soprattutto essere sicuro che le persone vengano da te esclusivamente per comprare, studia il tuo target e renditi unico.
Ogni strategia di web marketing si basa su questo principio.

Non ti ho detto cos'è un target.

Il target è il tuo pubblico di riferimento, le persone che vorresti avere come clienti.

Otterrai buoni risultati a seconda del tuo impegno per conoscere il tuo target. Più aspetti conoscerai di esso, più le tue offerte e proposte commerciali saranno "allettanti".

Il tuo target è composto (o dovrebbe essere composto) da persone interessate a ciò che fai e a quel che vendi.
Questo è un buon punto di partenza per conoscere il tuo pubblico: se possiedi clienti "fedeli", fa' loro delle piccole domande, senza essere invadente o scendere a particolari.

L'obiettivo è quello di capire perché comprano da te.

Se ottieni una risposta del tipo "perché sei il più economico", allora sei davvero a rischio, perché un tuo concorrente può abbassare il prezzo e prendersi i tuoi clienti.
Ciò significa che non hai utilizzato nessun criterio per posizionarti sopra la concorrenza.

Per questo motivo, ti consiglio di leggere questo articolo se vuoi imparare a distinguerti dalla concorrenza (basandoti sulle sue debolezze).

In alternativa, ho scritto questo eBook per imparare ad costruire un business di successo partendo dal...tuo target!

Ritornando a noi, il primo passo da fare per conoscere il tuo target è schedarlo.

Sto dicendo che se vuoi attirare il tuo target, cioè il pubblico giusto verso di te, devi immaginare con quale tipo di cliente vuoi aver a che fare.

Per farlo, crea delle "buyer personas", cioè dei clienti "ideali".
Descrivi nei minimi particolari quale tipo di cliente preferisci avere, oppure (in altre parole), specifica quali persone vorresti che comprassero da te.

Non rispondere "tutti quelli che hanno bisogno", perché la verità è che più cerchi di soddisfare tutti, più non soddisferai nessuno.

Forse questa frase l'avrai sentita anche da qualche altra parte, ma la verità è che nessuno ti ha mai detto che se ti concentri a soddisfare tutti, perdi di vista il vero cliente che ha bisogno di te.

In parole semplici, ti sto dicendo che devi concentrarti a soddisfare solamente 1 tipo di persona: il tuo cliente ideale.

Prendi spunto da questa immagine:

buyer persona web marketing

Puoi inserire i parametri che vuoi, a seconda del tuo pubblico. Ad esempio, se vendi intimo per donna, il parametro sesso è forse di primaria importanza (target: ragazze dai 16-35 anni).

Cosa diversa nel caso si tratti di vendita di giocattoli: in questo caso lo stato civile potrebbe essere più importante dell'età o degli interessi (target: coppia sposata con almeno 1 figlio/a).

Devo essere sincero con te: ogni tipo di target immaginario è appunto, immaginario. Ciò potrebbe significare che, forse, il tuo target ideale include un basso numero di persone.
In alcuni casi potrebbe non affatto esistere perché il cliente perfetto è un'illusione, ma ciò non è una buona scusa per non sforzarti di trovare clienti con le caratteristiche da te imposte.

Una volta "descritto" la tua buyer persona, arriva il momento di trovarlo.

Il tuo target può frequentare un gruppo Facebook, potrebbe trovarsi su un forum in particolare, potrebbe essere più attivo su Twitter che su YouTube, ma non posso dare delle indicazioni valide per tutti: ogni target è diverso da un altro, ed ha i suoi gusti, anche quando si tratta dei social.

In questo articolo non parlerò su come trovare il tuo target perché esiste già un articolo ben approfondito su questo argomento. È il capitolo 2 de "I Fondamentali del Web Marketing", un eBook scritto interamente da me, dedicato agli imprenditori e ai liberi professionisti che vogliono creare un business di successo, anche se non sono esperti in materia.

P.s. Inserisci anche i social che frequenta il tuo target nella tua buyer persona.

esempio di buyer persona

Ho scritto per te alcuni spunti pratici che ti aiuteranno a descrivere meglio il tuo target.

Interessi Generali

  • Età
  • Sesso
  • Località
  • Lingua
  • Professione

Interessi Personali

  • Stipendio, Budget
  • Livello di Istruzione
  • Interessi, Passatempi, Hobby

Abitudini sulla Lettura

  • Quanti blog seguono?
  • Quali blog seguono?
  • Quali tipi di blog leggono?
  • Su quale dispositivo leggono gli articoli? (Pc, Smartphone, Tablet)
  • Leggono più articoli su uno stesso sito?
  • Cosa li spinge a lasciare un commento?

Abitudini sui Social Network

  • Quante volte al giorno/settimana/mese utilizzano i social?
  • Quale social utilizzano?
  • Quanto tempo trascorrono sui social?
  • Usano i social per lavoro o per divertimento? (o entrambi)
  • Quali app utilizzano? (Facebook App, Twitter App ecc.)
  • Cosa li spinge a condividere un post?

Interessi Economici

  • Quanto spendono sul prodotto X?
  • Quanto ancora possono spendere su un prodotto?
  • Usano carte di credito?
  • Devono visitare un il negozio prima di acquistare?
  • Comprano solamente da siti affidabili? (Ebay, Amazon ecc.)
  • Comprano a seconda delle opinioni degli altri clienti o decidono di testa loro?
  • Richiedono la garanzia?
  • Comprano solo se c'è una garanzia di 30gg, 3m, 6m, 1-2 anni?

Il prossimo passo da compiere è verificare quanto è ampio il tuo target.
Nel prossimo paragrafo imparerai a conoscere più da vicino il tuo pubblico e vedere soprattutto quante persone rientrano nel tuo target.

Come Effettuare una Indagine di Mercato

Se il tuo target è stato facile da identificare ed hai costruito una buyer persona, fare una ricerca di mercato è molto più difficile.

E perché devo farlo?
La risposta è semplice: perché non sai se davvero le persone sono disposte a comprare il tuo prodotto/servizio.

In Italia l'errore più comune degli imprenditori è quello di aprire un'attività e poi trovare i clienti. Il punto è che questo approccio è sbagliato, dato che puoi andare in perdita... e nei casi fortunati in vincita.

Ragiona al contrario, invece.

Prima di avviare qualsiasi attività commerciale, devi trovare persone disposte a comprare il tuo prodotto/servizio.

Ora però hai a che fare con la concorrenza. È molto difficile batterla usando le sue stesse armi.

Per questo motivo, se vuoi aumentare le tue possibilità di successo (facendo qualcosa di diverso dalla concorrenza), ti ti consiglio di trovare una nicchia nel tuo settore e di concentrarti su di essa.

Attenzione! Nel paragrafo precedente ti ho linkato un articolo su come distinguerti dalla concorrenza basandoti sulle sue debolezze.

Puoi leggere l'articolo e prendere spunto da esso per posizionarti sopra la concorrenza.
Ma se vuoi un consiglio, è molto più facile trovare un buon posizionamento tra 5 concorrenti che tra 100.

In poche parole, ti sto dicendo che per ottenere risultati migliori e più possibilità di successo, sfrutta le strategie dell'articolo che ti ho linkato e quel che vedremo tra poco ed applica entrambe.

Aspetta un attimo però... Cosa intendi per "nicchia"?

Wikipedia dice:

"[...] la nicchia è una parte di mercato che la concorrenza non ha ancora raggiunto ... ma in maniera tale da non venire incontro soddisfacentemente alla domanda"

Ciò sta a significare che il tuo settore non potrà mai soddisfare tutti. Ci sarà sempre qualche "pecca" nel tuo ramo.

E se tu ti posizionassi come l'unico esperto in una nicchia non soddisfatta dalla concorrenza?

Come detto prima, è molto più facile diventare un punto di riferimento in una nicchia di mercato più piccola.
Per fare un esempio, un dentista specializzato nella cura dei denti sensibili è molto più incline ad essere reputato affidabile e speciale anzichè un dentista qualunque.

Magari nella realtà un dentista comune ha più esperienza di un dentista specializzato nella cura dei denti sensibili. Ma come avrai notato, nel marketing non vince chi offre i servizi migliori, ma chi offre la migliore immagine.

Quindi, il mio consiglio è quello di trovare la tua nicchia e di concentrarti su essa.

2 esempi comuni sono Sensodyne e Carglass.

Cos'hanno in comune Sensodyne e Carglass?

Soddisfano una determinata nicchia di persone e si sono imposti come Leaders in quella nicchia. Ogni nicchia esiste perché c'è un problema non considerato dalla concorrenza.

Come Trovare una Nicchia di Mercato Redditizia per la Tua Attività

Se avvii un business senza aver tenuto conto della quantità di richieste del mercato, stai letteralmente giocando alla roulette.

Sei in mano alla fortuna: potresti avere successo o fallire in partenza.

Sì, vale anche per le nicchie.

Creare o soddisfare delle nicchie non raggiunte dalla concorrenza ha i suoi vantaggi (sia online che nel mondo reale), ma se è troppo piccola, rischi di impiegare molto più tempo per raggiungere buoni risultati.

In altri casi invece, non avrai affatto dei risultati.

Per toglierti ogni dubbio, usa il Keyword Planner di Google e fai un'analisi di mercato sulla tua nicchia.
Il Keyword Planner di Google è utile per verificare se le persone hanno un particolare interesse in una nicchia.

In base alle ricerche mensili, avrai più o meno una statistica di quante persone effettuano ricerche sulla tua nicchia di mercato (o argomenti correlati). Questi dati ti saranno utili anche per fare una previsione su quante persone potranno visitare il tuo sito.

Ovviamente, maggiore è il numero di persone, maggiore sarà il numero di possibili clienti.

Fa' attenzione in questo caso, perché un alto numero di persone interessate e disposte a comprare implicano un maggior numero di concorrenti.
Inoltre, sarà più difficile posizionare il tuo brand, avrai più difficoltà a comparire tra i primi risultati di ricerca e soprattutto... farai fatica a convertire i visitatori in clienti.

All'opposto, una nicchia più specifica (anche se piccola) darà molti più risultati di una nicchia più vasta e generalista.

Devo dirti che nel marketing essere generalisti produce meno risultati. Certo, avrai a che fare con più persone, ma è anche vero che solamente in pochi si trasformeranno in acquirenti, proprio perché un generalista è considerato meno idoneo a risolvere i nostri problemi rispetto ad uno specialista.

Questo è il motivo per il quale molti blog aziendali scelgono di posizionarsi usando delle parole chiave molto specifiche.

long tail seo italiano

Se vuoi far parte anche tu di coloro che si specializzano (e guadagnano) sulle nicchie di mercato non soddisfatte, segui questi passaggi per trovare la tua nicchia ideale.

Nota: A seguito di recenti avvenimenti, Google Keyword Planner non mostrerà più i volumi delle ricerche mensili. Mostrerà, invece, un intervallo, negandoti la possibilità di sapere a quanto ammontano le ricerche mensili.
Per evitare questo problema, avvia una campagna, oppure utilizza un tool alternativo come SEMrush.

Crea un account Google (se non ce l'hai già) e apri il Keyword Planner.
In alto a destra, vai su "Strumenti > Strumento di pianificazione delle parole chiave".

Ora inserisci il nome che meglio identifica la tua tipologia di attività.

Se non hai idea di come identificare il tuo tipo di attività, usa l'opzione "La tua categoria di prodotto". Questa funzionalità è molto utile se ti occupi di un settore non molto noto e temi di essere frainteso dal tuo pubblico.

Ad esempio, se ti occupi dell'edilizia, il tuo pubblico potrebbe confondersi. Non sa se offri consulenza edilizia, o esegui costruzioni, o se ti occupi dell'edilizia popolare ecc.

Se non vuoi sbagliare, consultala. O almeno usala come suggeritore. Inserisci le tue parole chiave e clicca su "Trova Idee".

Nel mio esempio, ho scelto la parola chiave "vetri decorati".

Passa alla scheda "Idee per parole chiave" per vedere la quantità di traffico di ricerca per le parole chiave. Nel mio caso, le ricerche mensili si aggirano su questi valori:

Nell'immagine ho specificato di tenere conto solo dei parametri Termini di ricerca e Media delle ricerche mensili.
Questo perché gli altri parametri si riferiscono agli inserzionisti Adwords. Nel nostro caso, stiamo solamente effettuando delle ricerche sulle parole chiave e facendo un'indagine di mercato.

Concorrenza, Offerta consigliata, e Quote impressioni annuncio sono parametri da considerare solo per gli annunci sponsorizzati.

Se hai fatto tutto correttamente, ora sai qual è il traffico di ricerca per la tua nicchia. Se non sei soddisfatto dei risultati e vuoi scendere più a fondo, dai un'occhiata ai termini di ricerca simili.

Generalmente, una buona nicchia potrebbe aggirarsi sulle 100 ricerche mensili. Con almeno 100 ricerche sai che c'è un mercato abbastanza piccolo ma ricercato.

Ma ho il dovere di confessarti una cosa: non limitarti esclusivamente a questi numeri.

Le ricerche si riferiscono ad un intervallo di tempo passato. Se effettui una ricerca ora, avrai dei dati più o meno precisi fino al mese scorso.

La tua nicchia può avere nei mesi prossimi un boom di ricerche.

Sto parlando delle cartolibrerie, dei negozi a tema festivo (Natale, S.Valentino, Pasqua ecc). Alcune nicchie sono più attive in determinati periodi dell'anno, mentre altre hanno un domande più o meno costanti, senza rialzi o riduzioni.

Facendo un esempio sciocco, per la parola "regali per natale" c'è un boom di ricerche proprio nei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

Per vedere questi dati, posiziona il mouse sopra l'icona del grafico.

Un'ultima cosa.

In questo contesto rientrano anche le nuove nicchie. Ci sono settori in cui c'è una domanda molto più alta rispetto ad altri, ma non è assolutamente detto che una ricerca possa passare da 30 a 4000 ricerche mensili.

Per citare alcuni esempi, la RedBull, la Coca-Cola, o Shazam sono stati creati senza far riferimento ad una particolare domanda sul mercato. Prima del loro arrivo non esisteva nemmeno la richiesta di energy drink o di bevande gassate. Non erano ancora nell'immaginario collettivo.

Nessuno si sarebbe mai sognato di bere bevande dal colore scuro o avuto la necessità di trovare canzoni avvicinando uno smartphone ad una cassa.

Per questo motivo, la tua nicchia può diventare più grande (o più piccola) con il passare del tempo.

Google Trends è un altro tool per fare ricerche di mercato, stavolta basandosi sulla popolarità di una parola chiave nel tempo. Utilizzalo se non vuoi puntare su una nicchia destinata ad avere un ribasso!

Questo tool di Google può mostrarti il traffico di ricerca per delle determinate parole chiave in un periodo di tempo da te scelto. Puoi vedere l'andamento di un trend nel passato, nel presente e nel futuro.

Ma qual è la differenza tra Google Trends e Google Keyword Planner? Uno vale l'altro, giusto?

Non esattamente.

  • Google Keyword Planner è stato creato appositamente per l'analisi delle parole chiave. Mostra statistiche sui risultati di ricerca ed è in grado di suggerirti parole chiave ad esso collegate.

    Quando utilizzarlo? È utile quando vuoi vedere esattamente quante persone ricercano un argomento/parola chiave su Google.

  • Google Trends è stato creato per fornire dei dati grafici sulla "vita" di un argomento. È utile per vedere l'andamento del tuo Brand, per scoprire gli argomenti di tendenza e per vedere in quali periodi ha avuto successo una determinata parola chiave.

    Mostra il passato e il presente di una parola chiave e in base ai dati raccolti può fornirti delle (probabili) previsioni sulle ricerche.

Prendiamo come esempio ancora una volta la parola chiave "vetri decorati".

google trends vetri decorati

Ecco il risultato:

A quanto pare, i vetri decorati andavano alla grande negli anni 2005 - 2008. Dal 2009 in poi, l'interesse è andato via via diminuendo.
C'è stata una leggera impennata nel 2015, ma insufficiente a raggiungere i livelli del 2005.

Ora clicca su "Previsione". Google Trends ti indicherà quale sarà l'andamento per quella parola chiave usando una linea tratteggiata.

Qualche volta può capitare che non è possibile avere una Previsione per mancanza di dati. In questo caso non preoccuparti, non è difficile prevedere quale sarà l'andamento di un trend nei prossimi mesi.

In questo esempio, non è possibile attivare Previsione, ma guardando bene il grafico si può dire che l'interesse sarà più o meno identico a quello dei 2 anni scorsi.

Se non sei soddisfatto dei risultati, puoi giocarci su modificando i parametri di ricerca. Puoi modificare l'intervallo di tempo, la categoria, il motore di ricerca (lascialo invariato) e soprattutto la località.

Le tue ricerche saranno sempre fatte su scala mondiale se non modifichi questo parametro. Scegli una nazione se vuoi avere grafici più dettagliati.

A quanto abbiamo visto, il trend per i vetri decorati sta diminuendo. Significa che c'è meno richiesta sul mercato.

Sono destinato a fallire? Se la mia azienda produce vetri colorati, cosa devo fare?

Forse non gli hai dato molto peso, ma... Ricordi le parole chiave simili, spuntate fuori dopo aver analizzato "vetri decorati" sul Keyword Planner?

Le parole chiave simili sono tutti termini ottenuti dalle categorie simili della tua parola chiave (vetri decorati). Le vetrate artistiche, le porte in vetro sono tutti termini molto simili tra di loro.
Se la tua keyword era troppo generica, le idee per le parole chiave mostrano sotto-settori, categorie, affinità con la tua parola chiave.

Se la tua attività si occupa della produzione di vetri colorati, sarebbe una buona idea tenere sotto controllo anche quali trend stanno avendo successo nel tuo settore.

Nell'immagine seguente, ho pescato 2 termini simili. Ovviamente, quando toccherà a te, sarà decisione tua quali prendere.

Ora inserisci questi termini su Google Trends. Clicca su +Aggiungi termine e paragonali alla tua parola chiave di partenza.

Ecco il risultato:

I termini vetri decorati e vetrate artistiche non hanno avuto successo negli ultimi anni. Però c'è da dire che l'interesse per le vetrate artistiche è leggermente più alto rispetto ai vetri decorati.

Ma...

Oho, Bingo!

L'interesse per le porte scorrevoli in vetro è aumentato nel corso degli ultimi anni. Ciò significa che le persone sono più disposte a comprare "porte scorrevoli in vetro", piuttosto che vetri colorati o vetrate artistiche.

Se la tua azienda produce vetri colorati, cerca di sfruttare questa possibilità.

Attenzione... non sto dicendo che devi smettere di produrre vetri colorati per dedicarti alle porte scorrevoli in vetro, ma di sfruttare "anche" questa possibilità.

Sto dicendo che dalla nicchia di persone interessate ai "vetri decorati" e da quella interessata alle "porte scorrevoli in vetro", puoi creare una sub-nicchia composta da:

Persone interessate alle porte scorrevoli con vetri decorati

Così facendo, hai creato una potenziale nicchia fondendo 2 parole chiave. In questo modo, puoi costruire un brand sfruttando questa possibilità.

Non smettere di produrre vetri decorati, ma soddisfa anche questa sub-nicchia.

Ora, spostando la tua attenzione al mondo online, abbiamo visto quanto sia molto più facile salire in prima posizione su Google usando parole chiave formate da 4+ termini (Long Tail SEO).

Se ripeschi il Google Keyword Planner ed inserisci "porte scorrevoli in vetro decorato" avrai a che fare con poche ricerche mensili... o nessuna.

Questo perché il Keyword Planner e l'analisi delle parole chiave servono esclusivamente a verificare quante persone sono interessate ad un argomento o nicchia, ma anche perché ci sono pochi siti ottimizzati per questa parola chiave.

Il Keyword Planner non è stato fatto per dare delle stime precise su ogni combinazione di parole chiave, ma soltanto sulle parole prese singolarmente.

Inutile dire che ci sono anche meno dati disponibili sulle keyword formate da 4 o più parole. La spiegazione è che non tutte le persone che cercano su Google utilizzano delle keyword uniche.

Le variazioni/combinazioni tra parole chiave sono molto di più rispetto ad una sola keyword.

Detto in parole povere, è come avere 2 keyword: "vetri" e "decorati".

Le combinazioni possibili sono 2. Puoi ottenere "vetri decorati" oppure "decorati vetri".

Immagina quante long tail keywords puoi ottenere da 4 parole chiave in su...

Pensieri finali

Oggi quel che conta è risolvere i problemi e le esigenze del tuo pubblico.
Usa Google Analytics e Google Trends per vedere quanta richiesta c'è sul mercato, e in base ai dati crea delle sub nicchie, spazia dove la concorrenza non ci arriva ma soprattutto...

...soddisfa i tuoi clienti.

Specializzati nel tuo settore, ma assicurati sempre che ci sia abbastanza richiesta da poter creare un buon business attorno, ed evenutalmente, creare un brand di successo.

Importante: Ti consiglio di scaricare questo eBook per approfondire l'argomento e conoscere meglio il tuo pubblico. Non preoccuparti, è gratis e troverai all'interno anche altre nozioni sull'imprenditorialità.


Ora voglio sapere la tua opinione su questo articolo. Secondo te, è una buona idea specializzarsi? E perché?